Deposito degli strumenti urbanistici digitali

Deposito degli strumenti urbanistici digitali

L’Atto di coordinamento tecnico (Delibera n.2135 del 22 novembre 2019), ha introdotto alcune innovazioni rispetto alle modalità di deposito degli strumenti urbanistici comunali.

Tutti gli strumenti urbanistici elaborati secondo la LR24/17 prodotti dall’Ente, devono essere versati in conservazione presso il Polo Archivistico Regionale dell’Emilia-Romagna (ParER), attraverso l’applicativo PING.

Tale versamento garantisce la completezza dell’archivio degli strumenti urbanistici di ogni Ente, permette ai Comitati Urbanistici di consultare la documentazione ai fini dell’istruttoria e costituisce la trasmissione alle strutture regionali competenti ai fini della pubblicazione dell’avviso sul BURERT.

Deve essere sempre trasmessa, per la conservazione degli strumenti urbanistici comunali, copia completa e integrale del piano, in tutte le sue fasi della sua elaborazione (ad esempio assunzione, adozione e approvazione per quanto riguarda i PUG).

L’obbligatorietà del popolamento delle diverse cartelle per versare gli strumenti urbanistici in conservazione è riferita solamente ai controlli automatici effettuati dal software per verificare la coerenza tra quanto dichiarato e trasmesso dall’Ente."

L’avvio del procedimento o i termini delle diverse procedure decorrono dalla data della comunicazione via PEC che l’Ente trasmette alla Regione a seguito dell’avvenuto versamento tramite PING nei propri archivi digitali comunali.

Tramite il portale è possibile:

Se sei già registrato accedi direttamente per versare i documenti.

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/02/18 14:22:33 GMT+1 ultima modifica 2020-06-03T14:40:53+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina