Notizie

Immagini, storie e messaggi, cresce l’archivio digitale dell’11 Settembre Immagini, storie e messaggi, cresce l’archivio digitale dell’11 Settembre

L’archivio, creato e curato dal Center for History and New Media e dall’American Social History Project/Center for Media and Learning, fa parte dal 2003 delle collezioni della Library of Congress. Oltre 150.000 i contenuti digitali al momento archiviati e offerti on line al pubblico, per proporre un racconto collettivo sulla tragedia delle Twin Tower

Dalla carta carbone a Wikileaks, tempi duri per i segreti Dalla carta carbone a Wikileaks, tempi duri per i segreti

Facendo riferimento al clamore suscitato in America dalla pubblicazione delle testimonianze di un ex marine che ha preso parte all'uccisione di Bin Laden, un articolo di Amy Zegart per Foreing Policy sostiene l'inadeguatezza del sistema di segretazione delle informazioni, introdotto nel 1951 e tuttora in vigore, mentre si assiste alla sempre più frenetica e incontrollata circolazione delle notizie e delle conoscenze

Apertura e partecipazione vs. rigore e accuratezza, il dibattito sul crowdsourcing coinvolge anche gli storici Apertura e partecipazione vs. rigore e accuratezza, il dibattito sul crowdsourcing coinvolge anche gli storici

Il dilemma è sempre lo stesso che si pone dalla nascita di Wikipedia: è bene coinvolgere comunità di volontari per la realizzazione di progetti scientifici ed accademici altrimenti difficili da realizzare a causa degli alti costi, o solo gli esperti possono garantire la riuscita di operazioni ad alto tasso di conoscenza? Stavolta se ne discute con un articolo del Chronicle of Higher Education dedicato alla sempre più numerose iniziative 2.0 che mirano alla costruzione e all’arricchimento degli archivi storici

L’oblio digitale come alba di un nuovo Medio Evo? L’oblio digitale come alba di un nuovo Medio Evo?

È a partire da questa forzatura, e in particolare dal paragone con l’incendio della biblioteca di Alessandria, che un articolo dell’Economist sostiene l’importanza di tracciare la memoria di Internet e conservare, specie attraverso iniziative pubbliche, i tanti dati, contenuti e documenti che rischiano di scomparire a causa del sempre più frenetico e incessante cambiamento tecnologico

On line la nuova versione dello standard OAIS On line la nuova versione dello standard OAIS

OAIS (Open Archival Information System), il più importante standard per la conservazione digitale a lungo termine, è stato aggiornato e approvato formalmente da ISO (ISO 14721:2012). Un post sul blog di Barbara Sierman riassume ed elenca le principali novità contenute nell’aggiornamento

Dai floppy all’archivio musicale, nuova vita per le opere di un compositore americano Dai floppy all’archivio musicale, nuova vita per le opere di un compositore americano

Come cambia il lavoro di archivisti e curatori quando le opere nascono in digitale e spesso rischiano di scomparire a causa dell’obsolescenza di software e supporti? Alla domanda prova a rispondere il blog sulla conservazione digitale della Library of Congress, facendo luce su un progetto della New York Public Library che ha permesso di recuperare importanti materiali musicali appartenuti ad un artista scomparso a soli 35 anni

Il caso dell’estate: come perdere e ritrovare tutti i propri dati on line Il caso dell’estate: come perdere e ritrovare tutti i propri dati on line

Facendo riferimento all’edizione americana di Wired, il Post ha sintetizzato e ricostruito la singolare vicenda del giornalista Mat Honan, vittima di un attacco hacker andato a segnato sfruttando molteplici falle di sicurezza dei tanti servizi on line quotidianamente usati da milioni di utenti, e simbolo involontario di uno scenario che vede sempre più minacciata, spesso anche da rischi gravissimi, la gestione dei dati personali gestiti tramite cloud computing

“Per non dimenticare”, on line gli atti dei processi bolognesi sul terrorismo e le stragi “Per non dimenticare”, on line gli atti dei processi bolognesi sul terrorismo e le stragi

Un progetto promosso dal Tribunale di Bologna, dall’Archivio di Stato e dall’Assessorato alla Cultura della Regione Emilia-Romagna porterà a digitalizzare e rendere liberamente consultabili in rete i fascicoli giudiziari. Fondamentale il contributo del Polo Archivistico Regionale dell’Emilia-Romagna, che provvederà alla corretta conservazione digitale di questa importante documentazione storica

Il NY Times: dopo il black out in Virginia tuoni e fulmini sulla sicurezza del cloud Il NY Times: dopo il black out in Virginia tuoni e fulmini sulla sicurezza del cloud

Nella notte del 29 giugno una tempesta abbattutasi sulla costa est degli Stati Uniti ha causato il blocco di alcuni servizi in remoto messi a disposizione da Amazon per il funzionamento di numerose applicazioni web, tra le quali Netflix, Pinterest e Instagram. Facendo riferimento all’accaduto, la testata americana evidenzia i rischi derivanti da quella che definisce una crescente dipendenza dal cloud computing, e ipotizza alcuni scenari per migliorare le condizioni di sicurezza

Dai documenti ai dati, quali conseguenze per l’archivistica? Dai documenti ai dati, quali conseguenze per l’archivistica?

È la domanda che si pone Simone Vettore sul blog Memoria Digitale. L’autore fa riferimento alla progressiva “scomparsa dei documenti”, intesi come contenuti fissi e immodificabili e per questo archiviabili, causata dalla esplosione dei dati, elementi di informazione elementari che possono essere ricombinati per la creazione di svariati tipi di contenuti, e che per l’autore necessitano di particolari attenzioni da parte di chi si occupa degli aspetti di conservazione

Le stragi di Stato su Facebook, la memoria si fa social Le stragi di Stato su Facebook, la memoria si fa social

Dalle pagine di Wired Guido Scorza presenta il progetto “La strage impunita – un FacebookUMENTARIO” , curato dal Isacco Chiaf e finalizzato a usare la timeline di Facebook per raccontare con documenti originali e contenuti multimediali la storia dell’attentato di Piazza della Loggia a Brescia

Conservazione digitale, un futuro senza passato? Conservazione digitale, un futuro senza passato?

Nel momento in cui tutti i prodotti culturali possono essere finalmente conservati e preservati grazie ai progressi dell’informatica, l’obsolescenza dei formati e dei software, ma ancora di più gli ostacoli alla fruizione dei contenuti imposti dai produttori, rischiano di lasciare in eredità una storia piena di buchi e vuoti di memoria. Del paradosso si occupa l’Economist con due articoli che sostengono l’importanza di definire regole e più libertà d’azione per le istituzioni volte alla conservazione, a cominciare dalle biblioteche e dagli archivi

Dai castelli ai data center, negli archivi digitali gli arsenali della nuova era Dai castelli ai data center, negli archivi digitali gli arsenali della nuova era

Con una lunga riflessione sul blog Memoria Digitale, Simone Vettore traccia un parallelo sul carattere strategico assunto dagli archivi fin dal Medio Evo e arrivando al presente evidenzia l’assoluta necessità di considerare i data center come strutture pubbliche di fondamentale importanza per “il regolare svolgimento della vita digitale di cittadini, aziende ed enti pubblici”

Conservazione, il futuro è di carta? Conservazione, il futuro è di carta?

Sul blog Memoria Digitale Simone Vettore cita un recente studio che pone seri dubbi sulla reale durata della carta acida, da alcuni indicata come soluzione più economica ed efficace del digitale per la conservazione nel lungo periodo, e ipotizza il doppio binario cartaceo e informatico per arginare l‘obsolescenza dei supporti e il conseguente rischio di perdita delle informazioni

Manoscritti e incunaboli, un milione e mezzo di pagine on line Manoscritti e incunaboli, un milione e mezzo di pagine on line

Un progetto internazionale porterà alla digitalizzazione e alla pubblicazione su Internet di circa 2.500 libri greci, ebraici e risalenti al Medio Evo, attualmente custoditi nella Biblioteca Vaticana e in quella Bodleiana di Oxford. Tra le opere figurano anche la Bibbia latina di Johann Gutenberg, scritti di Omero, Sofocle, Platone e Ippocrate, i codici del Nuovo Testamento e il Sifra ebraico

Antimafia e memoria, on line l’archivio digitale intitolato a Pio Latorre Antimafia e memoria, on line l’archivio digitale intitolato a Pio Latorre

Lo strumento, realizzato su iniziativa del Centro Studi ed Iniziative Culturali Pio La Torre e dell’Archivio storico della Camera dei Deputati, raccoglie e presenta documenti storici, documenti ufficiali e materiali relativi all’attività del dirigente politico e sindacale siciliano ucciso dalla mafia nel 1982

Azioni sul documento

pubblicato il 2009/11/17 17:41:37 GMT+2 ultima modifica 2020-05-28T17:45:22+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina