Notifiche PEC: un pronunciamento

La produzione della ricevuta di avvenuta consegna di una cartella di pagamento via PEC è sufficiente per attestare il perfezionamento della notifica

Con la sentenza n° 1847, depositata lo scorso 17 aprile, la Commissione Tributaria Regionale per la Lombardia ha stabilito che in tema di notifiche a mezzo PEC, le ricevute di avvenuta consegna sono sufficienti a dimostrare il perfezionamento della notifica, allo stesso di modo di come avviene per le notifiche tradizionali.

A seguito di tale orientamento, l’organo di giustizia ha respinto l’appello di un contribuente che aveva lamentato anche l’insufficienza della documentazione prodotta dall’amministrazione per dimostrare l’avvenuto perfezionamento delle notifiche via PEC.

Sul portale della Giustizia Tributaria si apprende che un ulteriore motivo di ricorso “riguardava l’invalidità della notifica via PEC degli atti impositivi, in quanto gli stessi erano stati allegati in formato .pdf e non in formato .p7m”.

Sul punto - si legge nella nota - i giudici lombardi, rifacendosi alla giurisprudenza di Cassazione (sent. 27 aprile 2018, n. 10266 e ord. 16 febbraio 2018, n. 3805), hanno ribadito il principio secondo cui: “le firme digitali di tipo CAdES e di tipo PAdES, sono entrambe ammesse ed equivalenti, sia pure con le differenti estensioni p7m e pdf, e devono, quindi essere riconosciute valide ed efficaci, anche nel processo civile”.

La sentenza è stata oggetto di commento e approfondimento su Fisco Oggi, rivista online dell’Agenzia Entrate.

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/06/25 08:55:00 GMT+2 ultima modifica 2019-06-21T09:56:14+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina