Modena: accordo Comune Università per la digitalizzazione del patrimonio storico documentario del Comune

L'Università di Modena e Reggio Emilia attraverso il Centro interdipartimentale di ricerca sulle Digital Humanities “DHMoRe” si occuperà della digitalizzazione del patrimonio storico documentario del Comune di Modena.

È stata affidata al Centro interdipartimentale di ricerca sulle Digital Humanities “DHMoRe” dell’Università di Modena e Reggio Emilia la digitalizzazione del patrimonio storico documentario del Comune di Modena. Saranno i ricercatori e le ricercatrici del Centro a studiarlo prima della digitalizzazione per renderlo disponibile a studiosi e cittadini attraverso una specifica piattaforma.

Tra i primi obiettivi, rendere fruibili online a tutti liberamente, la “Cronaca” di Giovan Battista Spaccini (scritta a cavallo dei secoli XVI e XVII e conservata all’Archivio Storico comunale a Palazzo dei Musei) e gli oltre 100 mila testi autografi dell’autografoteca di Giuseppe Campori.

L'Accordo di collaborazione per la fruizione del patrimonio comunale sulla piattaforma digitale in concessione d’uso al Centro interdipartimentale di ricerca sulle Digital Humanities prevede una durata di tre anni, rinnovabili per altrettanti, senza oneri economici a carico dell’Amministrazione.

Approfondisci la notizia sul sito del Comune di Modena.

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/09/10 11:30:00 GMT+2 ultima modifica 2020-09-10T01:51:39+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina