Manoscritti e incunaboli, un milione e mezzo di pagine on line

Un progetto internazionale porterà alla digitalizzazione e alla pubblicazione su Internet di circa 2.500 libri greci, ebraici e risalenti al Medio Evo, attualmente custoditi nella Biblioteca Vaticana e in quella Bodleiana di Oxford. Tra le opere figurano anche la Bibbia latina di Johann Gutenberg, scritti di Omero, Sofocle, Platone e Ippocrate, i codici del Nuovo Testamento e il Sifra ebraico

immagine tratta dal sito www.bodleian.ox.ac.ukAl progetto dedica una notizia on line, tra gli altri, La Stampa:

“Grazie a un cospicuo lascito di due milioni di sterline (poco meno di due milioni e mezzo di euro) da parte della Fondazione Polonsky, la Biblioteca Apostolica Vaticana e l'Università di Oxford potranno avviare un grande progetto di digitalizzazione di manoscritti greci e ebraici e incunaboli medievali.

Un milione e mezzo di pagine, a cui potranno avere accesso per la prima volta ricercatori di tutto il mondo semplicemente collegandosi a Internet. Due terzi del materiale, un milione di pagine, equivalenti a 2.500 libri, proverrà dagli archivi vaticani e il restante terzo da Oxford. Degli oltre 8.900 incunaboli posseduti dalla Biblioteca Apostolica, dovrebbero esserne trasformati in formato elettronico almeno 800, fra i quali il famoso “De Europa”, di Pio II Piccolomini, stampato da Albrecht Kunne a Memmingen prima del 1491; e la Bibbia latina delle 42 linee di Johann Gutenberg, il primo libro stampato con caratteri mobili fra il 1454 e il 1455.

La collezione della biblioteca Bodleiana di Oxford è la quinta al mondo per ampiezza e la maggiore fra quelle universitarie; da essa verrano selezionati per il progetto, che durerà quattro anni, soprattutto incunaboli provenienti dall'Italia che da soli costituiscono il 45 % del patrimonio di manoscritti del Millequattrocento posseduto dall'ateneo inglese. Dei manoscritti greci saranno digitalizzati opere di Omero, Sofocle, Platone, Ippocrate, i codici del Nuovo Testamento e dei Padri della Chiesa, molti dei quali riccamente decorati con miniature bizantine…”

Continua a leggere su La Stampa

Azioni sul documento

pubblicato il 2012/04/20 10:20:00 GMT+2 ultima modifica 2012-04-20T13:02:00+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina