La diplomatica contemporanea contro i documenti falsi nel mondo digitale

Dal caso di un presunto DPCM 24 marzo 2020 apparso sui social, Gianni Penzo Doria e gli studenti della Scuola di archivistica, paleografia e diplomatica annessa all’Archivio di Stato di Venezia hanno scritto un articolo sulla diplomatica contemporanea nel mondo digitale, corredato da un video con la partecipazione straordinaria di Luciana Duranti (University of British Columbia di Vancouver).

Per una esercitazione di diplomatica contemporanea e archivistica speciale, gli allievi della Scuola di archivistica, paleografia e diplomatica annessa all’Archivio di Stato di Venezia, hanno messo in evidenza come,  analizzandolo in termini giuridici e con gli strumenti della diplomatica e dell'archivistica speciale, vista la generale mancanza di rigore formale,  l’esemplare circolato in rete di una Gazzetta ufficiale 24 marzo 2020, contenente il DPCM 24 marzo 2020, rappresenti un falso.

Un interessante lettura  accompagnata anche da un contributo video con la partecipazione straordinaria di Luciana Duranti (University of British Columbia di Vancouver).

L'articolo e il contributo video dimostrano come sia ancora possibile e importante  applicare metodo e concetti della diplomatica al mondo digitale e riflettere sulle caratteristiche di autenticità di qualsiasi "oggetto digitale" sia utile per muoversi nel mondo contemporaneo.

Leggi l'articolo completo su www.filodiritto.com.

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/06/17 17:00:00 GMT+2 ultima modifica 2020-06-17T15:41:30+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina