I principi da rispettare secondo il Consiglio d'Europa

Il Consiglio d’Europa è intervenuto sul tema del trattamento dati nell’ambito delle misure di contrasto al Covid-19. Alessandro Mantelero in una articolo su Agenda Digitale evidenzia il ruolo del principio di proporzionalità e della valutazione preventiva dei rischi connessi all’impiego dei dati personali.

Il Consiglio d’Europa, con una dichiarazione congiunta del Chair of the Committee of Convention 108 e del Data Protection Commissioner of the Council of Europe si è occupata del tema del trattamento dati nell’ambito delle misure di contrasto al Covid-19.

In maniera analoga alla posizione adottata dall’EDPB in merito di coronavirus e privacy, ribadisce in primo luogo che il quadro normativo vigente (nello specifico, la Convenzione 108 e la sua versione modernizzata “Convenzione 108+”) stabilisce standard elevati per la protezione dei dati personali compatibili con un’efficace tutela di altri diritti, incluso quello alla salute pubblica ed individuale.

Punto chiave è quindi il bilanciamento di interessi, in modo che, anche in situazioni particolarmente critiche, i principi di protezione dei dati siano rispettati. Da qui la centralità del principio di proporzionalità e della valutazione preventiva dei rischi connessi all’impiego dei dati personali.

Tra gli argomenti trattati nell'articolo troviamo:

  • le raccomandazioni del Consiglio d’Europa su privacy e coronavirus
  • perché sia rilevante la posizione del Consiglio d’Europa su questo tema.

Leggi l'articolo completo su Agenda Digitale.

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina