1915-1930: online i dispacci di Associated Press

La Library Of Congress mette in rete 15 anni di tumultuosi eventi raccontati dalla sede di Washington DC della più influente agenzia statunitense

La Library of Congress degli Stati Uniti ha pubblicato online la collezione dei dispacci diramati tra il 1915 e il 1930 dall’ufficio di Washington DC della Associated Press.

L’Associated Press (AP) era nata nel 1846 a New York, centro nevralgico nel panorama dell’informazione statunitense. Il servizio fu istituito da un gruppo di testate giornalistiche intenzionate a ridurre i costi per la produzione e il reperimento di notizie di cronaca e interesse generale.

Figlia della rivoluzione del telegrafo, e di un nuovo modo di fare informazione che faceva della velocità, delle concisione e della capacità di arrivare immediatamente al punto, l’AP si impose nel giro di pochi anni come la principale e più autorevole agenzia di stampa del Paese, e presto si espanse, aprendo i primi uffici “periferici” ad Albany, capitale dello Stato di New York, e Washington DC, capitale dello Stato federale.

È proprio sui primi 15 anni di vita della sede di Washington DC che fa luce la collezione pubblicata online dalla Biblioteca del Congresso. Più di 378.000 immagini, a riprodurre 375 volumi, documentano il modo in cui l’agenzia di stampa riportò eventi tumultuosi ed epocali.

Dalla Prima Guerra Mondiale alle lotte per il suffragio universale; dall’età d’oro del jazz alla crisi del ‘29 che spalancò il baratro sulla Grande Depressione: le migliaia di notizie dell’agenzia, nel loro inconfondibile stile terso e senza fronzoli, raccontano un’età che cambiò radicalmente gli Stati Uniti e il resto del mondo.

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina