martedì 27.06.2017
caricamento meteo
Sections

Una sentenza in materia di validazione temporale dei documenti informatici

Secondo la Corte di Cassazione, se una dalle parti in causa vuole negare la certezza di una data ha l'onere di allegare e provare che vi sia stata una violazione delle regole tecniche di riferimento
Una sentenza in materia di validazione temporale dei documenti informatici

Roma 2011 08 07 Palazzo di Giustizia" di Sergio D’Afflitto (CC BY-SA 3.0) via Wikimedia Commons

Lo scorso 23 maggio, con la sentenza n° 12939/2017, la Corte di Cassazione si è espressa sulle disposizioni contenute nelle regole tecniche in materia di generazione, apposizione e verifica delle firme digitali e validazione temporale dei documenti informatici (DPCM 30 marzo 2009). Come è possibile leggere sul sito Studio Cataldi in un commento a firma di Valeria Zeppilli, la “se una parte ha interesse a negare la certezza di una data, suo è l'onere di allegare e provare che vi è stata una violazione delle regole tecniche sulla validazione temporale.

Per i giudici – scrive la Zeppilli - non è contestabile che l'articolo 20, comma 3, del codice dell'amministrazione digitale sancisce l'opponibilità ai terzi della data apposta a un documento informatico in conformità alle regole tecniche sulla validazione temporale. Tuttavia, è vero anche che il fatto che una società certificatrice sia accreditata e iscritta nell'apposito elenco comporta una presunzione della conformità della sua attività alle predette regole. Viceversa, per i giudici, non si individuerebbe l'utilità dell'accreditamento.

Di conseguenza, se si vuole dedurre che un certificatore non ha rispettato le regole tecniche in sede di certificazione, lo si deve provare…

Leggi l’articolo integrale sul sito Studio Cataldi

Azioni sul documento
Pubblicato il 05/06/2017 — ultima modifica 05/06/2017
Aggiungi commento

Puoi aggiungere un commento riempiendo il form sottostante. Formattato come testo semplice. I commenti sono moderati.

Domanda: Quanto fa sette più due ?
La tua risposta:

ParER - Polo archivistico regionale dell'Emilia-Romagna Viale Aldo Moro 64, 40127 Bologna - Tel. +39 051 527 3317 - email: redazioneparer@regione.emilia-romagna.it

IBACN, via Galliera, 21 - 40121 Bologna - Tel. +39 051 527 66 00 - Fax +39 051 232 599

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali