Recensioni online e diritto all’oblio

Il Tribunale di Roma: impossibile rimuovere commenti su prestazioni e servizi pubblicati online, anche se molto negativi, in nome del diritto all’oblio

Con una recente sentenza, la diciottesima sezione civile del Tribunale di Roma ha respinto la richiesta di un professionista finalizzata alla rimozione di una recensione riguardante il suo operato, da una piattaforma online appositamente adibita a tale scopo, in nome del diritto all’oblio.

Come si legge su Atalex, la Corte ha ritenuto che “nel caso di specie non può essere invocato il diritto all’oblio, poiché è pienamente legittimo il diritto di critica del cittadino anche quando viene esercitato in modo particolarmente deciso (...)  bisogna riconoscere - prosegue l’articolo - anche l’esistenza di un interesse pubblico che prevale sicuramente sul diritto all’oblio”.

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina