Online la nuova versione del Portale Antenati

Lo strumento, curato dall’Istituto Centrale per gli Archivi, rappresenta la principale risorsa online per la ricerca genealogica e la ricostruzione delle storie di famiglia in Italia

Da inizio luglio è online la nuova versione del Portale Antenati, cura da ICAR, l’Istituto Centrale per gli Archivi, principale risorsa online per la ricerca genealogica e la ricostruzione delle storie di famiglia in Italia. Il portale è stato realizzato negli scorsi anni con l’obiettivo di rendere disponibile in rete il patrimonio documentario degli atti di stato civile esistente negli archivi di Stato italiano, indispensabili per condurre ricerche anagrafiche e genealogiche.

Il progetto, tuttora in progress, è partito a seguito di un accordo siglato nel 2011 fra la Direzione generale degli Archivi del Ministero per i beni e le attività culturali e l’organizzazione Family Search, che si occupa di realizzare, in collaborazione con i singoli archivi di Stato, la riproduzione digitale dei registri di stato civile. Ad oggi sul portale sono state raccolte oltre 71 milioni di immagini, riguardanti poco meno di un milione di registri di stato civile.

Sul sito gli utenti possono consultare gratuitamente le riproduzioni digitali dei registri dello stato civile e, più raramente, altri documenti di carattere genealogico e anagrafico, conservati presso i singoli gli archivi di Stato italiani, utilizzando anche, laddove presenti, le banche dati degli indici dei nomi citati nei registri.

Il sito fornisce inoltre informazioni sulla documentazione utile per la ricerca genealogica, anagrafica, di storia delle famiglie e delle persone conservata presso gli archivi di Stato italiani, nonché su banche dati nominative, tratte da questa documentazione, consultabili online o nelle sale di studio dei singoli archivi.

Il recente restyling del sito è stato realizzato con lo scopo di facilitare le attività di ricerca e consultazione delle informazioni da parte degli utenti, e dare visibilità a nuove tipologie di servizi, ausili alla ricerca e contenuti multimediali. Il progetto Antenati è presente anche su Facebook.

Ulteriori approfondimenti sul restyling di Antenati e le finalità del progetto sono disponibili in un apposito speciale a cura de Il Mondo degli archivi.

Azioni sul documento

pubblicato il 2018/07/06 08:00:00 GMT+1 ultima modifica 2018-07-12T10:36:00+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina