lunedì 22.10.2018
caricamento meteo
Sections

Notizie

  • 23/01/2013

    Inaugurazioni presidenziali, c’è una collezione on line anche per questo

    Si chiama “I Do Solemnly Swear”, è curata dalla Library of Congress, e permette di ricostruire la storia dei giuramenti da George Washington a Barack Obama. E in concomitanza col suo ultimo insediamento il blog The Signal le ha dedicato un articolo

  • 11/01/2013

    Giochi, meme, social media: Internet ha il suo museo on line

    Un’agenzia pubblicitaria olandese ha inaugurato il primo museo on line interamente dedicato ad Internet e al web. Anche grazie al contributo degli utenti, il contenitore nasce per dare visibilità a quanto di più rilevante e significativo sia stato prodotto dalla nascita della rete a oggi

  • 08/01/2013

    Parole in digitale. Come cambia la storia orale grazie ai new media

    All’argomento dedica una approfondita analisi il blog The Signal, facendo luce sui diversi progetti portati avanti da Doug Boyd, direttore del Nunn Center for Oral History presso l’Università del Kentucky

  • 07/01/2013

    Alla Library of Congress un tweet è per sempre

    La Stampa ha intervistato Matthew Raymond, tra i curatori del progetto che porterà entro breve ad archiviare tutti i messaggi prodotti e scambiati su Twitter nei server della biblioteca statunitense

  • 18/12/2012

    Conservazione digitale, il primo passo è la consapevolezza

    Partecipando alla consegna dei Digital Preservation Award 2012, Bill Le Furgy, curatore del blog The Signal della Library of Congress, ha sostenuto l’importanza di sensibilizzare il maggiore numero possibile di persone sulla necessità di tramandare tutto ciò che quotidianamente produciamo e condividiamo in digitale

  • 18/12/2012

    L’importanza della storia orale e l’esperienza del Pop Up Archive

    Il blog The Signal presenta un progetto promosso per permettere alle radio indipendenti di catalogare e conservare le proprie produzioni, senza la necessità di particolari conoscenze tecnologiche, e integrando questa attività con quella quotidiana di divulgazione e intrattenimento

  • 12/12/2012

    America, “l’attuale classificazione dei documenti non più sostenibile”

    È quanto sottolineato da un gruppo di esperti, con uno studio che raccomanda alla Casa Bianca l’adozione di nuovi sistemi per l’attribuzione dei livelli di riservatezza e accessibilità ai documenti ufficiali. Tra le principali proposte, spicca l'idea di passare da gli attuali tre a soli due gradi di segretezza

  • 12/12/2012

    Le tecnologie digitali e la fruizione delle collezioni museali

    Con un articolo pubblicato on line su Hastac.org, la ricercatrice americana Abby Mullen individua due sfide e altrettante opportunità che si presentano alle istituzioni della conservazione storica e culturale, con lo sviluppo e la diffusione dei new media

  • 10/12/2012

    I floppy disk e altre icone che non dicono più niente

    Sul sito Scott Hanselman’s Computer Zen, un articolo elenca 14 simboli digitali che rimandano a strumenti ormai obsoleti o del tutto scomparsi. Sulla scia dell’analoga riflessione formulata di recente in Italia sulle pagine di Rivista Studio, una nuova domanda sulla necessità di tenere in vita la desktop metaphor

  • 05/12/2012

    Il declino della desktop metaphor e i simboli digitali che verranno

    Su Rivista Studio Davide Coppo si chiede per quanto ancora oggetti vetusti come cornette e francobolli saranno usati nelle interfacce grafiche. La logica delle metafore, sostiene, cederà il passo a icone astratte e slegate dagli oggetti fisici, tranne forse per ciò che ha a che fare con la carta, elemento tutt’altro che in estinzione a dispetto delle tante previsioni a riguardo

  • 04/12/2012

    “I documenti raccontano”, le storie personali si fanno storia

    Un nuovo progetto invita scuole, enti, organizzatori di concorsi e aspiranti scrittori a raccontare il vissuto di donne e uomini partendo da dossier e altri materiali documentari raccolti e conservati negli archivi del territorio lombardo

  • 04/12/2012

    Pacman, SimCity e Tetris, i videogame entrano al MoMA

    Il museo newyorchese ha arricchito la propria collezione permanente di architettura e design con 14 titoli che hanno fatto la storia del videogioco. Le opere sono state selezionate anche grazie al contributo di esperti di conservazione digitale e saranno esposte a partire da marzo del 2013

  • 03/12/2012

    Il curriculum ideale dell’aspirante conservatore digitale

    Prova a definirlo sul blog The Signal Bill LeFurgy, facendo riferimento alla propria esperienza nella selezione di professionisti nel settore, e ad uno studio che ha analizzato 110 annunci per impieghi in archivi, biblioteche e altre organizzazioni che si occupano di conservazione

  • 27/11/2012

    Web e social media, a chi appartiene l’informazione on line?

    È la domanda che si pone Linnet Taylor, esperta di big data e ricercatrice presso l’Oxford Internet Institute, augurandosi che i progetti di archiviazione pubblica del web possano accedere liberamente ai dati e ai contenuti pubblicati in rete

  • 26/11/2012

    L’uragano Sandy e i problemi degli archivi digitali

    Il sito Hyperallergic descrive i danni subiti da Eyebeam, organizzazione impegnata nel campo delle arti digitali, a causa della tempesta che ha sconvolto gli Stati Uniti. Nella news, i protagonisti della vicenda sottolineano l’importanza delle strategie di conservazione digitale per scongiurare la perdita di dati e risorse a causa di disastri o altre calamità

  • 21/11/2012

    tDAR, i predatori del dato perduto

    Sul blog The Signal, Leigh Anne Ellison presenta le attività e le metodologie del Center for Digital Antiquity, nato per garantire la conservazione digitale nel lungo periodo di documenti e materiali frutto delle ricerche archeologiche

  • 20/11/2012

    Il nuovo sito e la community social di ParER

    Il Polo Archivistico si presenta on line con una grafica e una organizzazione dei contenuti rinnovati nel rispetto delle linee guida sulla comunicazione web della Regione Emilia-Romagna. In parallelo col restyling del sito la presenza di ParER si estende sui social media con una pagina Facebook, un profilo Twitter e un gruppo di discussione su Linkedin

  • 19/11/2012

    I poli archivistici e le altre misure per evitare l’avvento della “Digital dark age”

    Il Corriere delle Comunicazioni dedica un approfondimento ai crescenti rischi di perdita dei dati, e conseguentemente della memoria digitale, che caratterizzano il presente. Tra le esperienze e i progetti citati per contrastare questo tipo di problemi figura anche il ParER

  • 19/11/2012

    La conservazione digitale dei software

    Sul blog The Signal della Library Of Congress, Trevor Owens segnala una serie di articoli e approfondimenti sull’argomento. Lo scopo è quello di stimolare ulteriori riflessioni e spunti in materia da parte della comunità degli addetti ai lavori

  • 14/11/2012

    La conservazione digitale e l’equilibrio precario tra integrità e modificabilità

    Sul blog The Signal, Bill LeFurgy si interroga su cosa si intenda precisamente con il concetto di riproduzione fedele dei contenuti. La riflessione prende spunto da un commento negativo sugli e-book da parte di Nicholas Carr, e da una critica a questa posizione formulata successivamente da Kent Anderson

Azioni sul documento

ParER - Polo archivistico regionale dell'Emilia-Romagna Viale Aldo Moro 64, 40127 Bologna - Tel. +39 051 527 3317 - email: redazioneparer@regione.emilia-romagna.it

IBACN, via Galliera, 21 - 40121 Bologna - Tel. +39 051 527 66 00 - Fax +39 051 232 599

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali