venerdì 17.08.2018
caricamento meteo
Sections

In consultazione le Linee guida del Modello di interoperabilità tra le PA

Fino al 7 giugno sarà possibile formulare osservazioni sul documento realizzato dall’Agenzia per l’Italia Digitale
In consultazione le Linee guida del Modello di interoperabilità tra le PA

immagine tratta dal sito di AgID

L’Agenzia per l’Italia Digitale (AgID) ha lanciato una consultazione pubblica sulle Linee Guida del Modello di interoperabilità. Il documento, strumento a supporto della strategia di interoperabilità e cooperazione tra le pubbliche amministrazioni formulata nel Piano Triennale per l’informatica nella PA, potrà essere commentato fino al prossimo 7 giugno. Di seguito la nota di AgID:

Le Linee Guida, conformi alle indicazioni dell’art. 71 “Regole tecniche” del Codice dell’Amministrazione digitale (CAD), sono volte a favorire lo sviluppo di soluzioni applicative innovative orientate a cittadini, imprese e alle amministrazioni e contribuiscono alla creazione del Sistema Pubblico di connettività (articolo 73, comma 3-ter del CAD). Pubblicate sulla piattaforma Docs Italia, è possibile commentarle su Forum Italia.

La definizione di un Modello di interoperabilità è un asse portante dell’intero Sistema informativo pubblico: assicura l’interazione e lo scambio di informazioni tra le PA senza necessità di specifiche integrazioni, garantendo la piena collaborazione tra le amministrazioni pubbliche e i soggetti privati. Tra gli obiettivi del Modello:

  • armonizzare le scelte architetturali delle PA e individuare le scelte tecnologiche che favoriscano lo sviluppo, da parte delle PA, cittadini e imprese, di soluzioni applicative innovative per l’utilizzo dei servizi individuati nelle Infrastrutture immateriali del Piano Triennale per l’informatica nella PA;
  • promuovere l’adozione dell’approccio API first per garantire accessibilità e massima interoperabilità di dati e servizi;
  • rendere sicure le interazioni tra le PA e tra PA e cittadini e imprese grazie a standard tecnologici;
  • semplificare le procedure di scambio di servizi tra le PA e tra PA e privati.

La definizione del Modello di Interoperabilità è coerente con il nuovo European Interoperability Framework (EIF), al fine di assicurare anche l’interoperabilità nel contesto Europeo e per l’attuazione del Digital Single Market (Mercato Unico Digitale).

Azioni sul documento
Pubblicato il 08/05/2018 — ultima modifica 08/05/2018
Aggiungi commento

Puoi aggiungere un commento riempiendo il form sottostante. Formattato come testo semplice. I commenti sono moderati.

Domanda: Quanto fa tre più tre ?
La tua risposta:

ParER - Polo archivistico regionale dell'Emilia-Romagna Viale Aldo Moro 64, 40127 Bologna - Tel. +39 051 527 3317 - email: redazioneparer@regione.emilia-romagna.it

IBACN, via Galliera, 21 - 40121 Bologna - Tel. +39 051 527 66 00 - Fax +39 051 232 599

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali