martedì 24.10.2017
caricamento meteo
Sections

Identificazione elettronica: lo stato dell’arte

Su Firma Facile, Federico Berti fa il punto sulle azioni intraprese per far sì che i cittadini italiani possano usare i propri mezzi di identificazione elettronica al fine di accedere anche ai servizi di altri Stati membri, così come previsto dal regolamento eIDAS
Identificazione elettronica: lo stato dell’arte

eIDAS

Lo scorso 27 settembre, la Commissione europea ha comunicato che la Germania è il primo paese dell’UE ad avere completato i passaggi necessari affinché i propri cittadini possano usare i propri mezzi di identificazione elettronica (eID) anche per accedere ai servizi digitali offerti da altri Stati membri, così come previsto dal regolamento comunitario di riferimento, eIDAS il suo acronimo.

Segnalando la novità sul blog Firma Facile, Federico Berti ne ha approfittato per fare il punto sullo stato di questo analogo percorso in Italia.

L’Italia - si legge nell’articolo - si sta muovendo con FICEP (First Italian Crossborder eIDAS Proxy) progetto nazionale promosso da AgID, in raggruppamento con Infocert S.p.a., Politecnico di Torino, Telecom Italia S.p.a., finanziato dalla Commissione Europea per la realizzazione del nodo eIDAS italiano. FICEP è il “server transfrontaliero italiano” che consentirà la circolarità delle identità digitali italiane fra tutti gli stati membri dell’Unione Europea.

Il piano delle attività di progetto prevede, nei prossimi mesi:

 

  1. portare “a bordo” PA (italiana) e soggetti privati (auguri! ndr.), di modo da consentire ai cittadini EU in possesso di credenziali aderenti alla normativa eIDAS di accedere ai servizi online italiani che aderiscono a SPID;
  2. procedere alla interconnessione al Nodo FICEP degli Identity Provider italiani che aderiscono a SPID, attività che consentirà ai cittadini italiani di accedere con le proprie credenziali SPID ai servizi online EU non appena il sistema SPID sarà notificato alla Commissione europea, il quando però non è dato saperlo.

Una cosa però sappiamo, il 29 settembre 2018 scadrà il termine per il riconoscimento obbligatorio transfrontaliero dei sistemi di identificazione elettronica notificati dagli Stati dell’UE…

Continua a leggere su Firma Facile

Azioni sul documento
Pubblicato il 12/10/2017 — ultima modifica 05/10/2017
Aggiungi commento

Puoi aggiungere un commento riempiendo il form sottostante. Formattato come testo semplice. I commenti sono moderati.

Domanda: Quanto fa tre più tre ?
La tua risposta:

ParER - Polo archivistico regionale dell'Emilia-Romagna Viale Aldo Moro 64, 40127 Bologna - Tel. +39 051 527 3317 - email: redazioneparer@regione.emilia-romagna.it

IBACN, via Galliera, 21 - 40121 Bologna - Tel. +39 051 527 66 00 - Fax +39 051 232 599

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali