domenica 18.11.2018
caricamento meteo
Sections

Giappone, alle urne con la blockchain

Nella città di Tsukuba la tecnologia utilizzata per identificare gli elettori. Su Punto Informatico la descrizione del progetto
Giappone, alle urne con la blockchain

bandiera giapponese - foto di aj lopes (flic.kr/p/58FHoz - CC BY-NC-SA 2.0)

Per la prima volta in Giappone la tecnologia blockchain è stata utilizzata nell’ambito di procedure amministrative legate ad operazioni di voto. Ciò è avvenuto a Tsukuba, cittadina di 206.000 abitanti nelle prefettura di Ibaraki. Nello specifico la blockchain viene utilizzata per l’identificazione degli elettori. Su Punto Informatico un articolo descrive il progetto e cita in aggiunta un’analoga esperienza promossa negli Stati Uniti. Infine, formula alcune riflessioni sull’effettiva utilità di questo tipo di tecnologie in ambito elettorale. Di seguito l’introduzione dell’articolo:

Poco più di 206.000 abitanti, situata a circa 70 Km da Tokyo nella prefettura di Ibaraki, Tsukuba è la prima città giapponese a sperimentare l’impiego della blockchain nelle operazioni di voto. Il sistema messo a punto sfrutta l’Individual Number (noto anche come My Number), l’equivalente nipponico della Social Security Card statunitense, al fine di certificare l’identità dell’elettore e scongiurare il rischio di compromissione dei dati raccolti: è sufficiente appoggiare il documento a un lettore collegato all’apparecchio per effettuare l’identificazione. In un primo momento la sua azione sarà limitata all’assegnazione di preferenze riguardanti progetti di contributo sociale, come riportato sulle pagine della testata Japan Times.

Voto e blockchain

Nel concreto, chi si reca alle urne esprime la propria preferenza su un display anziché apporre un segno con la matita su una scheda cartacea, una modalità che richiama alla mente il voto elettronico sperimentato in Italia nell’ottobre scorso in occasione del referendum consultivo per l’autonomia della Regione Lombardia. Vengono così ottimizzati i tempi e l’impiego del personale nei seggi, eliminando di fatto ogni operazione di spoglio…

Continua a leggere su Punto Informatico

< Parole chiave: , >
Azioni sul documento
Pubblicato il 14/09/2018 — ultima modifica 07/09/2018
Aggiungi commento

Puoi aggiungere un commento riempiendo il form sottostante. Formattato come testo semplice. I commenti sono moderati.

Domanda: Scrivi sette in cifre.
La tua risposta:

ParER - Polo archivistico regionale dell'Emilia-Romagna Viale Aldo Moro 64, 40127 Bologna - Tel. +39 051 527 3317 - email: redazioneparer@regione.emilia-romagna.it

IBACN, via Galliera, 21 - 40121 Bologna - Tel. +39 051 527 66 00 - Fax +39 051 232 599

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali