Riuso dei dati: passi avanti per la revisione della Direttiva UE

Le istituzioni europee hanno trovato un accordo per la modifica della normativa

Il Parlamento europeo, il Consiglio dell'Unione europea e la Commissione europea hanno raggiunto un accordo per la revisione della Direttiva sul riutilizzo dell'informazione del settore pubblico (Direttiva PSI). Adottata per la prima volta nel 2003, la Direttiva è stata già oggetto di una revisione nel 2013.

“Ora - si legge sul sito dell’Agenzia per l’Italia Digitale - la Commissione si prepara a un suo ulteriore rilancio che tenga conto dei profondi cambiamenti tecnologici e sociali avvenuti negli ultimi 5 anni e insieme contempli la normativa di riferimento sulla gestione dei dati come il così detto 'Pacchetto dati 2018' e il Regolamento europeo per la protezione dei dati personali”. Nella nota dell’Agenzia si elencano anche le principali novità previste dalla prossima revisione della norma:

  • Il principio generale secondo il quale tutti i contenuti del settore pubblico accessibili ai sensi delle norme nazionali siano resi disponibili gratuitamente per il riutilizzo. Gli enti pubblici non potranno imporre tariffe superiori ai costi marginali per il riutilizzo dei loro dati, tranne che in casi eccezionali.
  • La particolare rilevanza attribuita ad alcune tipologie di dati, definiti come dataset ad alto valore, quali le statistiche o i dati geospaziali, che hanno un notevole potenziale commerciale e possono accelerare lo sviluppo di un'ampia gamma di prodotti e servizi di informazione a valore aggiunto.
  • L’estensione dell’ambito di applicazione della direttiva alle imprese di servizio pubblico nel settore dei trasporti e dei servizi di pubblica utilità.  Nel merito, la decisione sulla possibilità di rendere questi dati disponibili deve essere presa in base alle diverse normative nazionali o europee, ma - una volta resi disponibili per il riutilizzo - tali dati rientrano nell'ambito di applicazione della Direttiva PSI. Ciò comporterà che le imprese dovranno rispettare i principi della Direttiva e garantire l'uso di formati per i dati e di metodi di diffusione appropriati.
  • L’adozione di misure di salvaguardia per rafforzare la trasparenza e limitare la conclusione di accordi che potrebbero portare a un riutilizzo esclusivo dei dati del settore pubblico da parte dei partner privati.
  • La maggiore disponibilità di dati in tempo reale mediante l’uso di interfacce API (Application Programming Interfaces) al fine di favorire lo  sviluppo di prodotti e servizi innovativi (ad esempio applicazioni per la mobilità) da parte delle imprese e, soprattutto, delle start up.
  • L’estensione dell’ambito di applicazione della direttiva anche i dati della ricerca finanziata con fondi pubblici: gli Stati membri saranno tenuti a elaborare politiche per l'accesso aperto ai dati della ricerca finanziata con fondi pubblici, mentre a tutti i dati di tale natura, resi accessibili tramite archivi, saranno applicate norme armonizzate in materia di riutilizzo.

Dopo il raggiungimento dell’accordo tra Parlamento, Consiglio e Commissione UE, il percorso per l’approvazione della revisione della Direttiva proseguirà con l’approvazione formale delle nuove disposizioni da parte delle tre istituzioni comunitarie. Successivamente, gli Stati membri dovranno recepirla entro due anni. Prima di tutto ciò, la Commissione avvierà a breve la procedura di individuazione dei dataset ad alto valore in collaborazione con gli Stati membri.

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina