venerdì 17.08.2018
caricamento meteo
Sections

Datacenter pubblici: modalità e motivi del censimento

Perché viene svolto e quale la sua importanza per le pubbliche amministrazioni: lo spiega Giovanni Rellini Lerz, di AgID su Agenda Digitale
Datacenter pubblici: modalità e motivi del censimento

Agenzia per l'Italia Digitale

Come notiziato di recente, dallo scorso 23 aprile è in svolgimento la seconda fase del censimento sul patrimonio ICT delle pubbliche amministrazioni, con particolare attenzione ai data center, a cura dell’Agenzia per l’Italia Digitale (AgID). Su Agenda Digitale, un articolo a firma di Giovanni Rellini Lerz, professionista dell’Agenzia, illustra modalità e motivi della ricognizione, la cui conclusione è prevista il prossimo 6 giugno.

Tale attività - si legge in apertura - attua quanto previsto dalla circolare n. 05 del 30 novembre 2017, “Censimento del patrimonio ICT delle Amministrazioni e qualificazione dei Poli Strategici Nazionali”, che definisce proprio l’iter del Censimento del patrimonio ICT delle amministrazioni e la procedura di qualificazione dei Poli Strategici Nazionali (PSN).

Il Censimento è rivolto a tutte le Amministrazioni che dispongono di infrastrutture fisiche, e consentirà loro di valorizzare il proprio patrimonio informativo e individuare il raggruppamento di appartenenza dei Data Center in uso rispetto alla classificazione contenuta nel Piano Triennale dell’informatica delle PA 2017-2019 (PT).

Le Amministrazioni tenute al Censimento sono quelle richiamate dall’art. 2 comma 2 del Codice dell’Amministrazione Digitale (CAD), che fa riferimento “alle Pubbliche Amministrazioni di cui all’articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, nel rispetto del riparto di competenza di cui all’articolo 117 della Costituzione, nonché le società a controllo pubblico, come definite nel decreto legislativo adottato in attuazione dell’articolo 18 delle legge n. 124 del 2015, escluse le società quotate come definite dallo stesso decreto legislativo adottato in attuazione dell’articolo 18 delle legge n. 124 del 2015”...

Continua a leggere su Agenda Digitale

< Parole chiave: , , , >
Azioni sul documento
Pubblicato il 17/05/2018 — ultima modifica 17/05/2018
Aggiungi commento

Puoi aggiungere un commento riempiendo il form sottostante. Formattato come testo semplice. I commenti sono moderati.

Domanda: Quanto fa tre più tre ?
La tua risposta:

ParER - Polo archivistico regionale dell'Emilia-Romagna Viale Aldo Moro 64, 40127 Bologna - Tel. +39 051 527 3317 - email: redazioneparer@regione.emilia-romagna.it

IBACN, via Galliera, 21 - 40121 Bologna - Tel. +39 051 527 66 00 - Fax +39 051 232 599

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali