Ammissibile il deposito di istanze via PEC

La Cassazione accetta il ricorso di un avvocato al quale una corte aveva contestato l’invio di una richiesta di rinvio di un’udienza tramite lo strumento

Con la sentenza n° 43184/2018 della Corte di Cassazione, segnalata dalla newsletter “La PA Digitale”, è stata riconosciuta l’ammissibilità della richiesta di rinvio di un’udienza tramite posta elettronica certificata (PEC).

Secondo la Cassazione, non spetta al mittente della PEC - nel caso specifico un avvocato difensore che si era rivolto ad una Corte di Appello - verificare l’effettiva ricezione del messaggio da parte del destinatario. Per la sue caratteristiche tecniche infatti, è la stessa PEC a certificare di default la ricezione del messaggio da parte del destinatario.

Azioni sul documento

pubblicato il 2018/11/06 09:50:00 GMT+2 ultima modifica 2019-02-21T12:07:34+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina