domenica 18.11.2018
caricamento meteo
Sections

Ammissibile il deposito di istanze via PEC

La Cassazione accetta il ricorso di un avvocato al quale una corte aveva contestato l’invio di una richiesta di rinvio di un’udienza tramite lo strumento
Ammissibile il deposito di istanze via PEC

Roma, Palazzo di Giustizia - foto di Sergio D’Afflitto (Wikimedia Commons - CC BY-SA 3.0)

Con la sentenza n° 43184/2018 della Corte di Cassazione, segnalata dalla newsletter “La PA Digitale”, è stata riconosciuta l’ammissibilità della richiesta di rinvio di un’udienza tramite posta elettronica certificata (PEC).

Secondo la Cassazione, non spetta al mittente della PEC - nel caso specifico un avvocato difensore che si era rivolto ad una Corte di Appello - verificare l’effettiva ricezione del messaggio da parte del destinatario. Per la sue caratteristiche tecniche infatti, è la stessa PEC a certificare di default la ricezione del messaggio da parte del destinatario.

< Parole chiave: , >
Azioni sul documento
Pubblicato il 06/11/2018 — ultima modifica 31/10/2018
Aggiungi commento

Puoi aggiungere un commento riempiendo il form sottostante. Formattato come testo semplice. I commenti sono moderati.

Domanda: Quanto fa sette più due ?
La tua risposta:

ParER - Polo archivistico regionale dell'Emilia-Romagna Viale Aldo Moro 64, 40127 Bologna - Tel. +39 051 527 3317 - email: redazioneparer@regione.emilia-romagna.it

IBACN, via Galliera, 21 - 40121 Bologna - Tel. +39 051 527 66 00 - Fax +39 051 232 599

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali