America: un nuovo framework per la conservazione

In consultazione pubblica il documento dei National Archives che illustra le attività pianificate per la conservazione dei record elettronici delle istituzioni federali

I National Archives degli Stati Uniti (NARA) hanno pubblicato e messo in consultazione un nuovo framework per la conservazione digitale. Il framework illustra l’approccio sviluppato dall’istituzione per determinare i rischi che corrono i record digitali e le attività pianificate per conservare le diverse tipologie di formati. 

La realizzazione del framework rientra nella cornice del Piano Strategico 2018-202 messo appunto dai NARA, col quale si punta all’ambizioso obiettivo di smettere di accettare documenti cartacei in conservazione dalle agenzie e dalle altre istituzioni federali entro il 31 dicembre 2022

Siamo nel mezzo di un percorso che ci porterà alla totale eliminazione della carta e alla gestione interamente digitale dei documento - si legge in una nota - e il nostro ruolo è di particolare importanza perché le agenzie arrivino a questo traguardo. Col nuovo piano strategico appiano tracciato una roadmap; mettendo la gestione documentale e la conservazione digitale in cima alle nostre priorità, favoriremo una maggiore efficacia ed efficienza, facendo in modo che l’amministrazione americana risponda meglio alle esigenze del popolo americano.

Il rilascio del framework di conservazione digitale permette allo staff dei NARA, alle agenzie, al pubblico e agli esperti in materia di conservazione e archiviazione di valutare e assisterci nella creazione di standard per la conservazione digitale per l’amministrazione federale. Ci stiamo anche adoperando per rendere il più possibile trasparente il nostro processo di identificazione e mitigazione dei rischi per i record elettronici che abbiamo il compito di conservare e rendere accessibili.

Il nuovo framework sarà in consultazione sulla piattaforma Github fino al primo novembre.

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina