domenica 21.10.2018
caricamento meteo
Sections

Accountabilty, privacy e trasparenza alla luce del nuovo Regolamento sui dati personali

Francesco Giuseppe Ibba su Agenda Digitale: l’accountability fondamentale fattore di equilibrio per bilanciare i due principi della tutela dei dati personali e della trasparenza
Accountabilty, privacy e trasparenza alla luce del nuovo Regolamento sui dati personali

foto di mohamed_assan (pixabay.com/photo-3256079 - CC0 1.0)

Su Agenda Digitale, un articolo di Francesco Giuseppe Ibba mette in evidenza il ruolo fondamentale assunto dalla funzione dell’accountability, alla luce delle nuove norme introdotte col Regolamento comunitario in materia di protezione dei dati personali (GDPR), come fattore di equilibrio e bilanciamento tra il principio della privacy e quello della trasparenza amministrativa.

“La grande rivoluzione compiuta dal GDPR - scrive l’esperto in apertura - non si rinviene nei puntuali adempimenti prescritti dalla normativa, ma nel «cambio di prospettiva» al quale ha già fatto riferimento autorevole dottrina; con il GDPR, infatti, si passa da una normativa completamente incentrata sui diritti dell’interessato ad una opposta basata sui doveri del titolare e del responsabile.

Le riflessioni che seguono sono riferite al regolamento GDPR, anche se possono essere utili anche per l’interpretazione del decreto italiano di adeguamento, il 101 del 2018.

L’«accountability» nel teatro della protezione dei dati personali diviene quindi il deus ex machina, la forza superiore, finora quasi estranea, in grado di risolvere le cose.

Questa, infatti, espressione di un’etica della responsabilità dei titolari del trattamento (e del responsabile), rappresenta la chiave di volta per l’approdo verso un mondo nuovo, in cui la protezione dei dati personali viene percepita dall’interessato e dal soggetto obbligato come un valore condiviso.

Il settimo considerando del GDPR, nel solco tracciato dal principio di «accountability», richiama proprio l’opportunità di creare un clima di fiducia tra interessati e titolari del trattamento che consenta «lo sviluppo dell’economia digitale in tutto il mercato interno».

Ciò – logicamente – avrebbe una valenza enorme nel cyberspazio, dove la responsabilizzazione – e non solo la deterrenza e la difesa – costituisce lo strumento principale per costruire una sicurezza cibernetica forte…

Leggi l’articolo integrale su Agenda Digitale

Azioni sul documento
Pubblicato il 27/09/2018 — ultima modifica 26/09/2018
Aggiungi commento

Puoi aggiungere un commento riempiendo il form sottostante. Formattato come testo semplice. I commenti sono moderati.

Domanda: Quanto fa tre più tre ?
La tua risposta:

ParER - Polo archivistico regionale dell'Emilia-Romagna Viale Aldo Moro 64, 40127 Bologna - Tel. +39 051 527 3317 - email: redazioneparer@regione.emilia-romagna.it

IBACN, via Galliera, 21 - 40121 Bologna - Tel. +39 051 527 66 00 - Fax +39 051 232 599

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali