lunedì 24.09.2018
caricamento meteo
Sections

“Nuovo CAD”: i passaggi necessari per la completa attuazione

A inizio gennaio l’emanazione dell’ultimo decreto di aggiornamento della normativa quadro in materia di PA digitale. Cosa è già stato fatto e cosa occorre ancora fare per renderla totalmente operativa: ne scrive Giovanni Manca su Agenda Digitale
“Nuovo CAD”: i passaggi necessari per la completa attuazione

foto di Mark Hunter via Flickr (CC BY 2.0)

Cosa è stato fatto e cosa occorre ancora fare per arrivare alla piena applicazione di quanto previsto dall’ultimo decreto di aggiornamento del Codice della PA Digitale, oggetto di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale nello scorso gennaio? Alla domanda ha provato a rispondere Giovanni Manca, pubblicando un approfondimento su Agenda Digitale.

Proviamo ad analizzare - scrive Manca - lo stato di avanzamento dei lavori del Codice dell’Amministrazione Digitale, il cui correttivo è operativo dal 27 gennaio 2018 (completo delle modifiche introdotte dal dlgs 217/2017):  quello che è stato fatto, i suoi pregi e le sue criticità; analizziamo anche quello che non è stato fatto e ipotizziamo l’impatto di queste carenze normative.

L’azione congiunta di AgID e del cosiddetto Team Digitale guidato dal Commissario Straordinario Diego Piacentini ha portato avanti una serie di obblighi operativi, anche contenuti nel Piano Triennale 2017-2019, ma mancano ancora numerosi decreti attuativi e le Linee guida, che hanno sostituito le Regole tecniche nelle indicazioni del CAD.
Nell’articolo, tra le principali cose fatte l’esperto cita l’istituzione dell’Ufficio del difensore civico, la nomina del Responsabile per la transizione al digitale, la definizione del profilo di competenze ICT per il dipendente pubblico, il domicilio digitale, l’Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente (ANPR), le valutazioni sullo stato infrastrutturale della PA, lo SPID e le sanzioni per vari soggetti sottoposti a vigilanza.

Passando al da farsi, Manca cita la definizione degli schemi di autenticazione e del sistema pubblico di ricerca documentale  e lla sostituzione delle regole tecniche per l’attuazione del CAD con apposite linee guida.

Leggi l’approfondimento su Agenda Digitale

< Parole chiave: , , , >
Azioni sul documento
Pubblicato il 03/09/2018 — ultima modifica 03/09/2018
Aggiungi commento

Puoi aggiungere un commento riempiendo il form sottostante. Formattato come testo semplice. I commenti sono moderati.

Domanda: Scrivi sette in cifre.
La tua risposta:

ParER - Polo archivistico regionale dell'Emilia-Romagna Viale Aldo Moro 64, 40127 Bologna - Tel. +39 051 527 3317 - email: redazioneparer@regione.emilia-romagna.it

IBACN, via Galliera, 21 - 40121 Bologna - Tel. +39 051 527 66 00 - Fax +39 051 232 599

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali