lunedì 18.12.2017
caricamento meteo
Sections

Una community per discutere di OAIS

Nel 2017 è prevista la revisione del più importante standard in materia di conservazione digitale. In vista della scadenza, alcuni esperti internazionali hanno creato uno spazio on line per confrontarsi a riguardo e formulare proposte di cambiamento dello standard
Una community per discutere di OAIS

foto di Marc Wathieu via Flickr (CC BY-NC 2.0)

OAIS - Open archival information system (ISO 14721:2012) è il più importante standard per la conservazione a lungo termine dei contenuti digitali. Non a caso, è stato indicato come modello di riferimento anche nelle Regole tecniche in materia di conservazione digitale. La sua ultima revisione è avvenuta nel 2012 e la prossima, coma da prassi, è attesa per il 2017.

In vista di questa scadenza, un gruppo di studiosi ed esperti di conservazione digitale (William Kilbride e Paul Wheatley dellla Digital Preservation Coalition, Barbara Sierman della Biblioteca Nazionale Olandese e Hervé L’Hours dell’UK Data Service e UK Data Archive) ha deciso di avviare un processo di confronto – prevalentemente attraverso una community on line ma per il quale si annunciano anche appuntamenti e iniziative pubbliche – per discutere dello standard, scambiare esperienze e punti di vista sulla svariate modalità di adozione dello stesso, e proporre dei cambiamenti di cui tenere conto in occasione della revisione. Sul proprio blog, Barbara Sierman, tra i promotori del progetto, ha pubblicato un post per presentarne gli obiettivi.

Cosa vogliamo costruire? Un luogo per discutere di OAIS e condividere esperienze. Un luogo per chiunque si occupi a livello professionale di conservazione digitale, per la nostra “comunità di pratica”. L’esistenza di una terminologia condivisa su OAIS è sicuramente un vantaggio, ma la traduzione dei concetti dello standard nelle pratiche quotidiane di lavoro spesso presenta dei problemi. Sovente questo può portare a differenti interpretazioni dello standard e quindi alla confusione. La condivisione di esempi e concrete esperienze di utilizzo può aiutare chiunque in una situazione del genere. Questo wiki nasce per essere un luogo di riferimento basilare in cui ognuno possa discutere gli aspetti di OAIS. Così facendo, possiamo accrescere la rilevanza dello standard nel nostro lavoro quotidiano.

C’è anche un’altra ragione per discuterne. Nel 2017, ISO avvierà il processo di revisione di OAIS, cosa che accade ogni 5 anni. Questa revisione ci offrirà l’occasione di proporre dei cambiamenti per renderlo ancora più utile e rilevante.

Per questo motivo abbiamo pubblicato on line il testo integrale dello standard con la possibilità di aggiungere i vostri commenti e le vostre note e di discuterne. Basandoci sui feedback, redigeremo una bozza e quindi una proposta ufficiale per la revisione. In aggiunta, ci impegneremo per capire quale può essere il modo migliore di partecipare al processo di revisione.

Anche la Digital Preservation Coalition ha presentato l’iniziativa on line:

Da quando è stato introdotto OAIS, la comunità della conservazione digitale è cresciuta moltissimo, quantitativamente e qualitativamente. L’adozione di OAIS si è diffusa dalla sola community che si occupava di dati spaziali, ai professionisti che si occupano di patrimoni culturali, centri di ricerca sui dati, commercio, industria e amministrazione pubblica.

La community della conservazione digitale ha la responsabilità – noi abbiamo la responsabilità! – di tutelare la rilevanza dei propri standard. La prossima revisione di OAIS, prevista per il 2017, offre la possibilità per un processo cooperativo e trasparente. Crea inoltre l’opportunità di consolidare ulteriormente la nostra comunità professionale, prendendo come spunto OAIS e iniziative affini a questa tematica.

La nostra community è in grado di sviluppare una piattaforma informativa a partire dalla condivisione di vocabolari, concetti, funzioni e standard? E grazie a ciò riuscirà a proporre uno sguardo comune sullo stato della digital curation e della conservazione digitale, da valorizzare come punto di partenza per contribuire alla revisione di OAIS?

Noi pensiamo di esserne in grado!

Visita la community on line sullo standard OAIS

Azioni sul documento
Pubblicato il 18/01/2016 — ultima modifica 12/01/2016
Aggiungi commento

Puoi aggiungere un commento riempiendo il form sottostante. Formattato come testo semplice. I commenti sono moderati.

Domanda: Quanto fa sette più due ?
La tua risposta:

ParER - Polo archivistico regionale dell'Emilia-Romagna Viale Aldo Moro 64, 40127 Bologna - Tel. +39 051 527 3317 - email: redazioneparer@regione.emilia-romagna.it

IBACN, via Galliera, 21 - 40121 Bologna - Tel. +39 051 527 66 00 - Fax +39 051 232 599

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali