lunedì 24.09.2018
caricamento meteo
Sections

In Gazzetta Ufficiale il decreto legislativo di adeguamento della normativa italiana al Regolamento privacy

Il testo sarà in vigore a partire dal 19 settembre. Rispetto alla prima versione approvata in via preliminare, e come già annunciato dal Governo, la nuova norma modifica, ma non abroga totalmente, il Codice privacy
In Gazzetta Ufficiale il decreto legislativo di adeguamento della normativa italiana al Regolamento privacy

Gazzetta Ufficiale

Nella Gazzetta Ufficiale n° 205 del 4 settembre 2018 è stato pubblicato il decreto legislativo n° 101 del 10 agosto 2018, recante disposizioni per l'adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 27 aprile 2016, relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati e che abroga la direttiva 95/46/CE (regolamento generale sulla protezione dei dati).

Il decreto era stato approvato in via definitiva del Consiglio dei Ministri lo scorso 8 agosto. Rispetto alla sua prima versione, approvata in via preliminare lo scorso 21 marzo, e come già annunciato dallo stesso Consiglio dei Ministri a inizio maggio, la versione definitiva non contempla più la totale abrogazione del Codice per la protezione dei dati personali (decreto legislativo n° 196 del 2003). Di seguito la presentazione della norma a cura del Consiglio dei Ministri

Il decreto legislativo, in attuazione dell’art. 13 della legge di delegazione europea 2016-2017 (legge 25 ottobre 2017, n. 163), introduce disposizioni per l’adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del Regolamento europeo relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati.

Dopo l’esame di una commissione appositamente costituita si è deciso, al fine di semplificare l’applicazione della norma, di agire novellando il codice della privacy esistente, nonostante il regolamento abbia di fatto cambiato la prospettiva dell’approccio alla tutela della privacy rispetto al codice introducendo il principio di dell’accountability. Si è scelto di garantire la continuità facendo salvi per un periodo transitorio i provvedimenti del Garante e le autorizzazioni, che saranno oggetto di successivo riesame, nonché i Codici deontologici vigenti. Essi restano fermi nell’attuale configurazione nelle materie di competenza degli Stati membri, mentre possono essere riassunti e modificati su iniziativa delle categorie interessate quali codici di settore. In considerazione delle esigenze di semplificazione delle micro, piccole e medie imprese, si è previsto che il Garante promuova modalità semplificate di adempimento degli obblighi del titolare del trattamento.

Il decreto legislativo sarà in vigore a partire dal prossimo 19 settembre.

aggiornamento del 13 settembre

Nella Gazzetta Ufficiale n° 212 del 12 settembre 2018, è stata pubblicata un'errata corrige, contenente alcune correzioni da apportarsi all'articolo 116 del Codice per la protezione dei dati personali, così come novellato dall'emanazione del decreto legislativo n° 101 del 10 agosto 2018.

Il testo aggiornato del Codice Privacy su Normattiva

In concomitanza con l'entrata in vigore del decreto legislativo n° 101 del 10 agosto 2018, sulla banca dati Normattiva è stato aggiornato il testo del Codice per la protezione dei Dati Personali, tenendo conto di quanto previsto dal decreto.

Azioni sul documento
Pubblicato il 13/09/2018 — ultima modifica 18/09/2018
Aggiungi commento

Puoi aggiungere un commento riempiendo il form sottostante. Formattato come testo semplice. I commenti sono moderati.

Domanda: Quanto fa tre più tre ?
La tua risposta:

ParER - Polo archivistico regionale dell'Emilia-Romagna Viale Aldo Moro 64, 40127 Bologna - Tel. +39 051 527 3317 - email: redazioneparer@regione.emilia-romagna.it

IBACN, via Galliera, 21 - 40121 Bologna - Tel. +39 051 527 66 00 - Fax +39 051 232 599

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali